giovedì 28 luglio 2016

Miriam all'Italian Movie Award

Dopo il successo della presentazione ufficiale in occasione del 69° Festival de Cannes, presso l’Italian Pavilion, torna il Festival cinematografico ITALIAN MOVIE AWARD © dal 1 al 7 agosto 2016.

Il tema della 8° edizione è “La Ricerca”.

Red carpet, stage-interviste, area masterclass e proiezioni in 4K: il Presidente e Direttore Artistico Carlo Fumo e il conduttore del Festival Luca Abete vi danno appuntamento, anche quest’anno, al Parco Naturale de La Cartiera a Pompei, in Via Macello 22.

Si comincia lunedì 1 agosto, dalle ore 20:30, con l’attrice siciliana e conduttrice de “Le Iene”, Miriam Leone. Sempre in occasione del giorno di apertura sarà ospite e verrà premiata l’attrice australiana Emanuelle Bains, nota al giovane pubblico per il ruolo di “Maddy” nella fortunata sere TV “The Sleepover Club 2”. Al termine della prima serata, la proiezione del film “Un Paese quasi perfetto” di Massimo Gaudioso.

L’ingresso all’intero evento è completamente gratuito.

Fonte: http://www.italianmovieaward.it/

Tra verità e sogno, il cinema di Miriam Leone al Festival di Marzamemi

Sotto un cielo di stelle, quello di Marzamemi, ha brillato la stella più bella: l’attrice Miriam Leone che, in veste di madrina, ha inaugurato la VXI edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi. Per l’anteprima della kermesse nel cortile di Villadorata e poi, sul palco principale di piazza Regina Margherita, intervistata da Ornella Sgroi, conduttrice del Festival, Miriam Leone ha regalato al pubblico del Cinema di Frontiera ricordi privati e professionali.

Una clip di 4 minuti ha ripercorso la carriera artistica dell’attrice con le sue interpretazioni principali. Un “regalo”, per usare le parole di Miriam Leone, molto apprezzato dall’attrice che ha detto: “Riconosco momenti di sofferenza o di gioco, sono anni e situazioni diversi della mia vita professionale”.

“Ma anche questa piazza è un bel regalo – ha aggiunto Miriam Leone – una piazza che amo da sempre, da quando ero piccola e venivo qui con la sediolina per veder i film gratis. Stavo lì, seduta tra le ultime file, a sognare ad occhi aperti. E oggi sono rimasta sempre con quegli occhi sognanti. Perché il cinema sì è verità, ma è anche sogno e quindi sogno ancora, non mi sento arrivata da nessuna parte. La mia terra è una partenza ma anche un ritorno. E ogni volta che torno sono felice”.

E sogna in grande Miriam Leone, che ha due film importanti in uscita: “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio, presentato al Festival di Cannes, e l’opera seconda di Pif, “In guerra per amore”, di cui l’attrice è protagonista.

“Cannes – ha detto Miriam Leone – è un carpet molto glamour, emozionante. Anche in questo caso il sogno ritorna perché mai nella vita mi sarei aspettata di fare un red carpet a Cannes e di lavorare con un maestro come Bellocchio che mi ha insegnato e mi ha dato tanto. Qui a Marzamemi è per me è un’emozione diversa perché sono a casa. E a casa è il posto dove il cuore batte più forte”.

Da Bellocchio a Pif: “Un siciliano che va in giro a raccontare la nostra terra, a raccontare la mafia, per esempio – ha spiegato Miriam Leone – come in “La mafia uccide solo d’estate” e “In guerra per amore” che racconta lo sbarco degli americani del 1943 in Sicilia, aiutati in qualche modo dalla mafia”.

Tanto cinema, insomma, ma anche tanta televisione per Miriam Leone che ha esplorato linguaggi, ruoli ed emozioni differenti. Per esempio in tv il suo personaggio più recente è Valeria Ferro di “Non uccidere” che le è valso il Ciak d’oro come miglior attrice. Qui Miriam Leone ha lavorato sottotono rispetto alla bellezza che l’ha lanciata, anni fa. “La trasformazione è la parte più bella di questo mestiere – ha detto l’attrice – mi piace non essere me, mettermi nei panni degli altri, andare a cercare la verità tramite un costume e una storia. Quella ricerca della verità che, nel caso di Valeria Ferro, voleva dire una donna che si trascura, che lavora in un ambiente molto maschile, è un ispettore di polizia, e per essere rispettata butta via la propria femminilità. E’ un personaggio molto diverso da me. Quando sono andata a fare i provini il regista mi ha fatta struccare completamente quindi mi sono presentata “nuda” perché il trucco un po’ filtra, ti protegge e questo spogliarsi dell’artificio, in qualche modo, mi ha dato la possibilità di interpretare tutto dall’interiorità del personaggio”.

Fonte: http://www.cinefrontiera.it

giovedì 21 luglio 2016

Miriam Leone, c'è girl power ma bisogna far squadra

Le ragazze di oggi "stanno potenziando il loro girl power, studiano, lavorano, escono di casa, sono sempre più libere di fare le proprie scelte. Parlo ovviamente per questa parte di mondo, non di altre zone, dove la condizione della donna è ferma al medioevo. Mi spaventano però le discriminazioni che colpiscono tutti. Noi donne dovremmo proteggerci facendo più gioco di squadra, come riescono a fare gli uomini". Ne è convinta Miriam Leone, protagonista a Giffoni Experience di un incontro con i giovani giurati.
"Io poi da siciliana mi porto dentro certe tradizioni in cui credo, come quella del pranzo a tavola, ma sento anche una forte spinta all'indipendenza", spiega parlando ai giornalisti. Miss Italia 2008, che ha debuttato in tv come conduttrice nel 2009 a Unomattina Estate ("E' stata la vera gavetta, con sveglia tutte le mattine alle quattro e mezzo"), quest'anno è arrivata anche a Cannes con Fai bei sogni di Marco Bellocchio ("Un maestro, che con te analizza ogni scena. Pur di lavorare con lui, giravo a Torino di giorno Non uccidere e di notte il suo film"). E' anche la protagonista femminile di un altro dei titoli più attesi della stagione, In guerra per amore di e con Pif (che potrebbe esordire a uno dei grandi festival d'autunno, ndr). "Visto che il film è ambientato durante lo sbarco in Sicilia speravo per una volta di poter girare nella mia terra, ma niente, il mio personaggio vive a New York e noi abbiamo girato a Cinecittà - dice sorridendo -. Pif è un uomo molto intelligente, un poeta, che nel suo modo così personale riesce anche a fare denuncia".
Non le piace, spiega, "avere ruoli comodi, cose che mi mettano a mio agio, amo correre rischi". Finora è la tv "ad avermi regalato i due personaggi che più mi hanno segnato e fatta crescere, e curiosamente i loro nomi iniziano tutti e due con la lettera V". Sono Veronica Castello, l'aspirante showgirl pronta a tutto nella serie di Sky sugli anni di Mani Pulite, '1992', e l'ispettore della Omicidi Valeria Ferro nella serie di Rai3 'Non uccidere', già rinnovata per una seconda stagione. "Due ruoli molto diversi - spiega -. Dopo la donna che punta tutto sulla sua fisicità di 1992, per Valeria ho fatto un lavoro di scarnificazione, per trasmettere la sua ferita, il suo mondo interiore". E' una serie, ispirata alle atmosfere di certe produzioni nordeuropee "che per la Rai costituisce qualcosa di nuovo, un esperimento". Nonostante i non altissimi ascolti, "ha piantato un piccolo seme, che sono convinta germoglierà".
Impegnata ora nelle riprese della fiction Rai su Nino Manfredi, 'In arte Nino', con Elio Germano, sarà a breve anche di ritorno sul set per Sky: "Inizieremo prestissimo le riprese di 1993, ci hanno mandato le sceneggiature... ma non posso dire di più". E' conclusa invece l'esperienza di co-conduzione delle Iene: "E' stato molto divertente, sono felice di averlo fatto, ma sapevo che per gli altri impegni non avrei potuto ripeterla, quindi, addio Iene".
Come attrice, Miriam Leone si sente arrivata ad un punto "in cui non mi interessa più tanto dimostrare ma essere - spiega -. Amo questo lavoro, lo faccio con grande passione e umiltà e con la consapevolezza di avere ancora tanto da imparare".

Fonte: http://www.ansa.it/

Data d'uscita "I Medici" e "Fai bei sogni"

24 ottobre: dovrebbe essere questa la data scelta da Rai1 per la partenza della serie evento I Medici - I signori di Firenze. Il personaggio interpretato da Miriam, Bianca, sarà presente solo nel primo episodio.


10 novembre: è questa la data che la 01Distribution ha fissato per l'uscita nelle sale del film Fai bei sogni, tratto dall'omonimo romanzo di Massimo Gramellini e presentato al Festival di Cannes 2016 nella Quinzaine des Réalisateurs

giovedì 30 giugno 2016

In Arte Nino, Elio Germano è Manfredi

Iniziate a Roma le riprese del film tv "In arte Nino" con Elio Germano, che racconta gli anni giovanili del grande attore italiano Nino Manfredi. Dai difficili anni in sanatorio all'Accademia d'Arte Drammatica, al rapporto conflittuale con il padre Romeo, fino all'incontro con Erminia, il film racconta il pezzo più duro e significativo della sua vita, che va dal 1943 al 1958, quando raggiunge la popolarità e il successo. Prodotto da Compagnia Leone Cinematografica e diretto da Luca Manfredi, "In arte Nino" ripercorre quindici anni di storia privata, anni che si intrecciano con le speranze di un paese che cambiava in fretta e, come Nino, ha saputo inventarsi un futuro migliore. Nel cast anche Miriam Leone, Stefano Fresi, Duccio Camerini, Anna Ferruzzo, Leo Gullotta, Giorgio Tirabassi, Massimo Wertmuller.
Musiche di Nicola Piovani.

Fonte: http://www.ansa.it/

giovedì 23 giugno 2016

Arrivano i copioni di "1993"

Stefano Accorsi sulla sua pagina Facebook ufficiale annuncia l'arrivo dei copioni di 1993!

Miriam ospite al Giffoni Film Festival

Attrice rivelazione degli ultimi anni, Miriam Leone è ormai tra le interpreti più richieste dal cinema e dalle produzioni di serie tv italiane, tanto da ricevere i prestigiosi premi "Ciak D'oro Speciale per il Serial Movie Non uccidere" e il Premio Fabrique du Cinema come attrice rivelazione nel 2015.
E tanto da essere scelta del maestro Marco Bellocchio per il suo ultimo film "Fai bei sogni", da Pif per il prossimo "In guerra per amore", dal pluripremiato sceneggiatore Massimo Gaudioso per "Un paese quasi perfetto". In tv la ricordiamo per la serie tv cult "1992" e per i successi "La dama velata" e "Non uccidere".

Non vediamo l'ora di incontrarla in Sala Truffaut il 19 luglio!

Fonte: https://www.facebook.com/GiffoniExperience/